lunedì 5 gennaio 2009

barlafusi 10

io sono uno che oggi son stato dispiacente che mio figlio villi gli veniva da piangere sul treno per firenze che lo riportava a casa dopo lunga permanenza festosa presso di me che vedere un bambino figlio piangere non per capriccio ma per dolore interno vero è difficile da consolare a parole e allora provi con gesti di carezza e sguardi di carezza ma non sempre funziona come oggi che lo struggimento di villi era inconsolabile anche dagli abbracci. è così succede sempre così un addio un distacco un lasciamento di cui nessuno ha colpa ma che ti ci trovi immezzo e devi attraversarlo attraversarlo attraversarlo con il passare di un treno per esempio e spesso ben oltre la stazione di arrivo. non so voi.

3 commenti:

milo ha detto...

questi barlafusi mi han fatto pensare a www.guidocatalano.it
magari ti piace.
buon 2009.

marco fossati ha detto...

prima di catalano celati, poi nori. buon 2009 a te.

Anonimo ha detto...

Volevo scriverti una cosa in questo box, poi in una mail. Alla fine mi sono deciso a lasciar perdere. Certi sentimenti, dall'esterno si possono solo provare ad immaginare. Ti risparmio così le Ricettine di chi ha capito come si sta al mondo. Al mondo ognuno ci sta come può. ciao
delmiomeglio