mercoledì 6 aprile 2005

Abbiamo nel cuore un solitario
amore, nostra vita infinita,
e negli occhi il cielo per nostro vario
cammino. Le spiagge i cieli, la riva
su cui sassi e rovi e il solitario
equisèto, e colli erbosi grassi
rioni, città dispiegate come
belle bandiere, e nude prigioni.
Questa è la nostra vita. Questi nostri
volti vagabondi come musi
di cani ci somigliano. Il vento
il sole le corolle rosse e blu,
i sogni mai sognati i nostri sogni.
Questa è la nostra vita e nulla più.

Beppe Salvia

1 commento:

milo ha detto...

è la quarta volta che passo di qua per rileggerla. E' perfetta. Credo che te la ruberò e la posterò anche da me, se me lo permetti.
Grazie per l'ennesima volta...